Negazione della gravidanza

il negazione della gravidanza È un processo psicologico che può essere sorprendente, ma colpisce molte più donne di quante possiamo pensare durante l'anno. La negazione della gravidanza è chiamata la situazione in cui la donna non è consapevole di essere incinta e ne rimane ignara.

L'Associazione francese per il riconoscimento della negazione della gravidanza stima che in Francia vi siano possibili 2000 casi all'anno e di questi circa 300 donne arriveranno al parto senza essere state a conoscenza della gravidanza in qualsiasi momento. Medici, terapisti e persone colpite chiedono attraverso di esso che sia riconosciuto come patologia e un problema di salute pubblica e che le donne che ne soffrono, possano danneggiare il bambino, possano essere imprigionate perché affermano di non essere responsabili della loro agisce.

Nella maggior parte dei casi la donna si rende conto dell'ovvio o, e sembra essere abbastanza abituale, lo fa quando va dal medico preoccupata per il disagio addominale aspecifico e l'aumento di peso. Questi casi di solito si evolvono molto bene e le donne riconoscono la gravidanza dopo questo.

Potremmo pensare che ciò accada solo a ragazze molto giovani oa coloro che hanno già avuto un disturbo mentale o ritardo. Ma non è vero Si scopre che metà delle donne che ne soffrono in precedenza avevano avuto figli, ed è anche un problema che non è legato ai casi di esclusione sociale o emarginazione, ma può verificarsi a tutti i livelli sociali, economici e di tutti i livelli distribuito educativamente. Sono stato sorpreso di leggere che ne soffrono oltre agli adolescenti o alle donne in situazioni di esclusione sociale e altri in situazioni migliori: militari, segretarie, avvocati, insegnanti, madri di diversi bambini con una vita normale.

Aggiungo che l'ambiente, gli amici, la famiglia e i partner spesso rimangono ignari della gravidanza e, a posteriori, dicono di non aver notato nulla di strano. Anche le coppie con cui vivono non se ne rendono conto.

Ed è normale in questi casi di negazione della gravidanza che il corpo, ignaro del suo stato, non cambia come nel resto delle donne in gravidanza. Il bambino viene sistemato lungo e la pancia sporge a malapena. Non c'è nausea o vertigini e, se si verificano, la donna li scarta come prodotto di un lieve problema. Il bambino non si muove molto o, quando lo fa, la donna pensa che siano gas. Alcuni addirittura continuano ad avere la regola.

In questi casi il pericolo è evidente. Più tardi capirà il personale, il trauma sarà. Anche se anche quando il bambino nasce nella maggior parte delle donne, è possibile una riconciliazione con ciò che è accaduto e possono crescere il loro bambino, di solito ci sono rischi se il bambino arriva senza sapere nulla.

quando il rifiuto è totale e arriva al punto di presentare la nascita ci sarà grande angoscia nel rendersi conto che non ha riconosciuto i segni del suo corpo e che non si è preso cura del feto in modo adeguato. La madre continua in alcuni casi senza essere in grado di rendersi conto che i dolori che soffre sono dovuti al parto e cosa succede fino alla nascita del bambino. Il trauma è enorme e quindi può aumentare la disconnessione con la realtà. La maggior parte di loro riesce a riprendersi e allacciarsi con il proprio figlio, soprattutto se la nascita avviene in buone circostanze e accompagnata o in un centro medico a cui vengono trasferiti.

Ma ci sono alcuni casi in cui la madre, e ciò la rende particolarmente vulnerabile, partorisce da sola e non riconosce che sta partorendo. Il bambino è nato e non sa di essere un bambino, perde completamente la comprensione della realtà. In alcuni casi il bambino muore per mancanza di cure, per abbandono o per la stessa mano della madre turbata.

Sono documentate anche storie raccapriccianti di donne che accumulano bambini morti nel loro giardino o nel congelatore, ma, contrariamente a quanto penseremmo, non lo fanno per evitare la loro responsabilità, ma a causa di un disturbo mentale che non fa sapere esattamente cosa succede ma desiderando tenere vicini i corpi.

Tutto ciò ci riempie di stupore quando il caso si risolve bene e di vero orrore quando i bambini finiscono per morire. Avremo spesso pensato che queste donne fossero mostri, ma ti assicuro che leggendo le testimonianze di quelle persone sulla pagina dell'Associazione francese per il riconoscimento del Negazione della gravidanza, Sono stato travolto dal modo in cui spiegano le esperienze traumatiche e la loro totale disconnessione con la realtà in quel momento e anche eccitato dalle storie felici di donne che erano in grado di incontrare il loro corpo e prendersi cura dei loro bambini normalmente.

Video: Francia, strage di bebè: cinque neonati trovati in freezer (Dicembre 2019).