Viaggiare in auto con i bambini: quando non smettono di protestare

Continuiamo con il nostro speciale Neonati e altro ancora su viaggiare in auto con i bambinie oggi ci dedicheremo a una di quelle sezioni per le quali è spesso difficile avere una soluzione agile ed efficace. Si tratta di viaggiare in auto con bambini che non smettono di protestare fino in fondo.

Di prendersi cura di un bambino che piange molto, il nostro partner Mireia Long sta parlando in questi giorni, quindi in questo post ci concentreremo su quel problema all'interno dell'auto, quando si verifica mentre facciamo uno dei nostri viaggi.

E, se in qualsiasi situazione di tutti i giorni il pianto di un bambino può essere disperato, quello stesso grido sentito più e più volte in uno spazio piccolo e chiuso come un'auto può portare a un reale rischio per la nostra sicurezza e per il bambino. Non sarebbe la prima volta che un conducente diventa così disperato per il pianto di un bambino che perde di vista la strada e finisce per subire una collisione completamente evitabile, quindi è meglio capire cosa succede con il bambino e come evitare di arrivarci a situazioni di difficile risoluzione.

Per cominciare, dobbiamo capire una domanda di base, e cioè che il pianto del bambino fa parte della capacità di comunicazione molto poco sviluppata che il bambino ha. Finché non impari ad attirare l'attenzione in un altro modo e alla fine chiedi cose per favore, piagnucolare, fare il broncio e persino il pianto più straziante costituiscono il tuo vocabolario, quindi devi capire che quando il bambino piange è come parlare con noi, quindi nel titolo di questo testo appare il verbo "protesta" e non semplicemente "piangere".

Un approccio soggettivo, risposta obiettiva

Sappiamo anche che prima di un bambino che dà inizia la conversazione, dobbiamo rivedere il nostro libro di base risponde: cibo, igiene, temperatura, comfort e affetto, perché normalmente questi saranno gli argomenti di conversazione che il bambino ci proporrà. Qualsiasi cambiamento che si verifica intorno a te sarà scomodo, quindi commenterai i tuoi pensieri con grande dettaglio in modo da essere informati di ciò che ti passa per la mente.

E di solito quando viaggiamo in auto con il bambino scopriremo che si arrabbia perché, dal suo punto di vista, mettendolo nel seggiolino per bambini, lo stiamo trascurando in termini di bisogni emotivi e molto probabilmente in termini di comfort, ed è che non importa quanto sia comodo un sistema di ritenuta per bambini, non può mai essere paragonato a buone armi su cui riposare. Dal suo punto di vista.

Ma, naturalmente, come sappiamo, l'unico modo per prendersi cura adeguatamente del bambino quando si viaggia in auto è inserirlo in un adeguato sistema di ritenuta per bambini, quindi dovremo fargli capire che questo è il migliore per lui ... e lo faremo attraverso il dialogo. Fermeremo la macchina in un posto sicuro, andremo con il nostro bambino. Un caldo abbraccio, alcune parole tranquille ... e non appena inizierò a calmarmi, lo rimetteremo sulla sedia spiegando che è per il tuo bene, che ci sederemo lì e che allacciamo le cinghie così belle che porta la sedia. Vedi quanto è buono

E ricominciare

E il bambino protesterà di nuovo, ovviamente. Lo sarà disposto a discutere in tutti i modi che gli vengono in mente che ha ragione e che siamo noi a sbagliare. Ma sappiamo che deve viaggiare nel seggiolino perché altrimenti la sua vita è in pericolo, quindi dovremo essere pronti per il dibattito.

Il cervello umano impara ripetendo. Dalla ripetizione di una sequenza che stiamo imparando, passiamo all'usanza di seguirla passo dopo passo e in seguito arriviamo a integrare l'abitudine con cui facciamo qualcosa senza esserne quasi consapevoli. Per tracciare alcuni parallelismi, ricordiamo che “4 × 5 = 20, 4 × 6 = 24, 4 × 7 = 28” con cui abbiamo deliziato qualsiasi membro della famiglia che volesse ascoltarci mentre stavamo imparando le tabelle di moltiplicazione. Prima li abbiamo dichiarati calcolo per calcolo, poi a poco a poco abbiamo commentato tranquillamente quelle operazioni libere, come "8 × 7 = 56", che abbiamo avuto difficoltà a ricordare, e infine non era più necessario ripetere nulla perché lo avevamo integrato. E lo stesso è accaduto ai fatali verbi irregolari in inglese. Non c'è più niente del "cantare cantato cantato" e della compagnia se siamo in grado di chiedere spontaneamente "Chi ha cantato quella canzone in quegli spot pubblicitari?", Ad esempio.

Sì, l'apprendimento del bambino dovrà essere per pura e dura ripetizione. Il messaggio "Per andare in macchina devi viaggiare sulla sedia" sta per contrastare il tuo messaggio "Sedie a sdraio, ti amo" e così sarà la cosa fino a quando, a poco a poco, lo capirà il fatto di viaggiare in un seggiolino non vogliamo di meno. Ma per ottenerlo, dobbiamo continuare una linea guida inamovibile, una sequenza che si ripete sempre nello stesso ordine:

Fermeremo la macchina in un posto sicuro, andremo con il nostro bambino. Un caldo abbraccio, alcune parole tranquille ... e non appena inizierò a calmarmi, lo rimetteremo sulla sedia spiegando che è per il tuo bene, che ci sederemo lì e che allacciamo le cinghie così belle che porta la sedia. Vedi quanto è buono

Se questa è la nostra linea guida, la forza del nostro discorso e, cosa più importante, che il bambino capisca che queste sono le regole del gioco e interiorizzarle come tali dipenderà dal nostro essere fedeli a quel modello. Nel momento in cui introduciamo un cambiamento nella sequenza ... non capirà nulla, il cambiamento lo prenderà alla sprovvista e si sentirà molto insicuro, quindi potrebbe farcelo sapere con la sua particolare forma di espressione. Inoltre, è molto probabile che ciò che abbiamo fatto finora non sia di aiuto, quindi è meglio stare attenti.

E tutto, al tuo ritmo

Ma se è importante rispettare il modello, rispettare il ritmo di apprendimento del bambino È essenziale, e questo non acquisirà l'abitudine di viaggiare nel seggiolino finché non apprenderai che questo è il modo di viaggiare in auto, quindi se proviamo ad accelerare il processo con rabbia, litigi o discussioni, o non partire che si esprime quando abbiamo spiegato (per la cinquantesima volta, lo so) quanto sono belle le cinghie della sedia, tutto ciò che faremo sarà ostacolare il suo processo di apprendimento.

Logicamente, se mettiamo tutto questo nel contesto di un viaggio in auto, uno dei presenti dirà che tutto questo è molto buono, ma che ci sono orari per incontrarsi e che ci aspettano in questo o quel momento in un posto simile. E sicuramente avrà ragione, ma questo non farà stare meglio il bambino, quindi sentendo molto dovremo fare a meno di quel contributo molto ragionevole e sicuramente corretto, ma questo non dipinge troppo in tutto questo processo.

La soluzione per questi casi? Anticipa il rituale che ci aspetta e parti prima di casa per evitare di essere precipitato lungo la strada. Non c'è altro: se il bambino non capisce più orari di quelli segnati dal corpo, come possiamo passare la pressione di sapere che dobbiamo arrivare in tempo a destinazione? Ha senso?

Il dettaglio del club

sponsor: A Opel Meriva Baby and More Club, proponiamo uno spazio per condividere idee, esperienze e promozioni relative all'auto come veicolo per la famiglia. Resta sintonizzato su questa sezione e avrai accesso a tutte le informazioni di cui hai bisogno su bambini e neonati come fattore decisivo al momento dell'acquisto di un'auto.Una pagina che mira a fornire contenuti di valore a tutti i genitori che si trovano nella complicata situazione della scelta dell'auto. Buona macchina per viaggiare comodi e sicuri con i più piccoli.

Video: Aveva appena perso i suoi cagnolini quando apre il suo regalo di compleanno e si commuove (Dicembre 2019).